Etichette

mercoledì 10 ottobre 2012

La Soffitta Incantata # 1: ricordi di Halloween


Bentornate nel blog, creature del bosco!
Come annunciato la scorsa settimana, oggi do il via a questa nuova rubrica ^^
La porta scricchiolante della mia Soffitta Incantata si è finalmente aperta per mostrarvi i suoi innumerevoli contenuti! Prima di cominciare, ricordo a tutti di cosa si tratta.

Apro la Soffitta per mostrarvi qualcosa in più su di me e per farvi conoscere meglio il mio mondo, che per molti di voi è ancora nascosto. La Soffitta è un luogo magico, polveroso, pieno di ricordi, cianfrusaglie e quant'altro; vi guiderò alla scoperta del mio passato e del mio presente, di quello che ero e di ciò che sono divenuta pian piano, negli anni. In questa rubrica posterò immagini, foto, musica e ricordi d'infanzia, insomma, tutto quello che troverò di interessante da raccontarvi o da farvi vedere negli angolini bui della mia Soffitta. La porta di questa stanzetta angusta e affollata si aprirà per voi il secondo mercoledì di ogni mese, quindi non mancate, mi raccomando!
Eccoci dunque! Fatevi stretti stretti, siete tanti e la mia soffitta è piccolina sì, anche se non abbastanza da impedirvi di entrare =)
Oggi apro per voi la scatola dei vecchi ricordi, quella che riguarda i miei addobbi di Halloween di quando ero bambina. Eh sì, ero già una strega provetta! E come ogni streghetta che si rispetti, attendevo con ansia il 31 ottobre per festeggiare. Purtroppo mancano all'appello molti addobbi e travestimenti, non riesco proprio a trovarli, ma d'altra parte la Soffitta è molto disordinata, parte della roba si sarà persa nei meandri di questa stanzetta... chissà, magari è finita in qualche armadio e, sempre magari, non sapevo di possedere un guardaroba magico come quello che ha condotto Lucy, Peter, Susan ed Edmund a Narnia.
Ehm... torniamo a noi, prima che anch'io mi perda in chissà quali mondi sconosciuti! Allora, nella scatola dei ricordi spaventosi (o spaventati?) ho trovato una bella ragnatela (no, non è vera, non preoccupatevi!), un fantasmino fatto dalla Mamma per far divertire me e l'altra streghetta di mia sorella (tanto per intenderci parlo di Yvaine del blog Il Pozzo dei Sussurri), una spilla-pipistrello e una lanternina a forma di zucca. Uh, che sbadata sono! Stavo dimenticando l'ingrediente più importante! Il mio cappello a punta, scuro come la notte e indispensabile per una nottata stregata come quella di Halloween. Siccome Puck, il Folletto dispettoso che alberga in questa Soffitta, ha deciso di far misteriosamente scomparire il mio cappello magico, mi dispiace, ma non potrò fotografarvelo =( Che volete farci? Si diverte così lui... se lo becco mi sente però. statene certi! in compenso però ho trovato un libricino piccino picciò che la Mamma regalò a Yvaine. Dunque, vi lascio qui di seguito una foto di questi fidati compagni di sabba:
Solo per voi, Fantasma e Zucca Lanterna hanno fatto cheese!
Ecco, adesso che ve li ho mostrati posso finalmente passare a raccontarvi quello che ricordo di quegli Halloween passati. Quando ero bambina, la festa di Halloween non era ancora alla moda come lo è adesso. Quasi nessuno la pubblicizzava e per i bambini, almeno nella mia città, non esistevano eventi, mascherate e cose simili. Ma io non sono mai stata una bambina come tutte le altre, volevo andare fuori dagli schemi, e allora il giorno del 31 ottobre organizzavo sempre qualcosa in casa. Partecipavano alle mie stregonerie due fidate compagne di abracadabra: la già citata streghetta Yvaine e nostra cugina, anch'ella col cappello a punta. Accendevamo le candele e spegnevamo le luci, poi accendevamo Zucca Lanterna e iniziavamo i festeggiamenti vestite da streghe, ma non avevamo abiti come quelli che voi tutti immaginereste: nossignori! Noi avevamo gli abiti più belli di tutti, tzè! Sì, perchè erano abiti creati da noi, improvvisando con quello che avevamo: una maglia presa da qui, una gonna presa da lì, un vestito tagliato con le nostre forbicine dalla punta arrotondata (eh... tra Art Attack e L'Albero Azzurro non so chi mi abbia contagiato di più con questa storia delle forbici!) e poi qualche vecchio abito della Mamma, della Zia o di chissà chi e l'abito era fatto!
Le nostre famiglie sapevano di questi nostri giochi, e si premuravano di rendere i nostri sabba divertenti, comprando dolcetti mostruosi, come caramelle a forma di occhio o vermicelli... roba da fare accapponare la pelle, eh! Non scherzavamo mica, noi! Poi giungeva il momento tanto atteso: quello di montare sulle nostre scope e volare (si fa per dire... non avevamo ancora la Patente di Volo!) per tutta la casa. Personalmente però, il momento che preferivo in assoluto, era la riunione sul divano del salotto. Tutte e tre ci siedevamo vicine vicine, strette l'una all'altra, e guardavamo uno dei film che mi è sempre rimasto nel cuore e che vi presenterò più avanti con gli speciali di Halloween: Hocus Pocus! Lo avevo affittato nella videoteca di fiducia per caso e da allora tutti gli Halloween era diventato un must.
Ho sempre festeggiato Halloween in modo molto semplice e ho sempre amato profondamente questa notte magica. Crescendo però si sa, i giochi di una volta ci entusiasmano un po' meno, soprattutto per via dell'età... ma sapete una cosa? La vostra Mirial ha continuato a festeggiare Halloween coi bambini!
Un anno, avevo all'incirca 16 anni, ho fatto animazione per i bambini di un oratorio. Quello stesso anno ho intrattenuto i bimbi proprio la notte di Halloween e non potete immaginare quanto sia stata magica quella notte: la più magica di tutte! Fra danze mostruose, teatrini magici, ululati strazianti, dolci e scherzetti, mi sono divertita forse più io che i miei amati mostriciattoli =)
E voi? Festeggiavate Halloween anche da piccoli?


6 commenti:

  1. Nel mio paese, non si festeggia Halloween, se no qualche bambino, ma sono rari!!quindi non ho mai festeggiato questa festa, anche se mi sarebbe piaciuto!!!

    RispondiElimina
  2. Ma che bella questa rubrica! L'aspettavo infatti! E che bellissimi ricordi ci tieni dentro! Mi hai fatto sognare Mirial. Adesso non vedo l'ora che sia di nuovo mercoledì per vedere cosa tiri fuori dal tuo vecchio baule! Bravissima! Un bacione. Ciao streghetta "collega"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che questa prima puntata ti sia piaciuta =D mi dispiace deluderti però, la rubrica è mensile, dovrai attendere un mesetto prima di sbirciare fra i miei scatoloni dei ricordi xD Comunque grazie per essere passata a trovarmi =) per un pomeriggio sei diventata topina di soffitta ;)

      Elimina
  3. Non ho mai festeggiato halloween da piccola, non la conoscevo proprio come festa! Ora si, la conosco, ma in realtá non é che ci vada molto dietro... Preparo i dolci per gli eventuali bimbi che busseranno alla porta e... Basta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella come iniziativa, quella di preparare dolci per i bimbi! Da me uesta cosa non si usa per esempio, anche perchè vivo in un palazzo. Ma comunque sia credo che nessun genitore lascerebbe i propri figli andare a bussare alle porte altrui xD questo succede dalle mie parti, ma sono felice che da te si respiri un'atmosfera diversa =)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...