Etichette

mercoledì 6 novembre 2013

Recensione: "Il regno dei gufi" di Martin Hocke


Bentornate nella mia Foresta Incantata, creature del bosco!
Torno sul blog con una nuova recensione. Ho terminato la lettura di questo bellissimo romanzo, non lo dimenticherò tanto facilmente.

Autore: Martin Hocke
Editore: Piemme Pocket
Pagine: 477
Prezzo: 4,90 euro

Trama: Quando ai gufi dei territori di campagna giunge notizia che un gigantesco Gufo Reale sta avanzando verso il sud, il giovane Hunter si trova a giocare un ruolo cruciale nella lotta per difendere la comunità. Dal suo territorio ai bordi di un'enorme foresta abbandonata, dovrà convincere i Gufi dei Granai, i Gufi Piccoli e i Gufi delle Foreste a stringere un'alleanza per fronteggiare l'invasione del mostro. Ma un pericolo ben più grave incombe sulle loro terre, una minaccia in grado di annientare la sopravvivenza stessa della specie. Tra guerra e amore, eroismo e tradimenti, una saga avvincente, la straordinaria epopea di un mondo misterioso.

Voto:
Recensione:  
"La storia insegna che ci vuole una minaccia esterna per creare unità tra gli appartenenti alla stessa razza e religione, per non dire tra coloro che hanno diverse culture, sangue e credo. E' una gran vergogna, ma la memoria è corta e i conflitti, di qualunque tipo, non sono mai troppo lontani."
"Il regno dei gufi" è il primo volume di una saga, una trilogia per essere precisi, che purtroppo non è più in commercio. Dico "purtroppo" perchè quello che mi sono ritrovata tra le mani è un vero e proprio gioiello, un libro nel quale mi sono imbattuta per pura fortuna e che credo mi rimarrà sempre nel cuore.
Questo romanzo narra una storia complessa e articolata in due parti, che potrebbero ricondursi rispettivamente ai periodi della giovinezza e della maturità del protagonista, il giovane Gufo dei Granai, Hunter. Egli riceve una precisa ed accorata istruzione dai suoi genitori, i quali gli insegnano a vivere nel mondo della campagna, trasmettendogli i valori derivanti dalla religione e dalla società dei Gufi dei Granai. L'autore rende i Gufi molto simili a noi esseri umani: essi hanno una struttura sociale ben definita, hanno un Credo ben preciso e delle regole da rispettare per poter far parte della comunità, ma non solo: i piccoli Gufi dei Granai ricevono un'istruzione di base - che li porterà ad apprendere lezioni importanti quali il volo, la caccia, la paura e l'importanza della famiglia - e un'istruzione superiore. Durante quest'ultima fase, i giovani Gufi vengono presi sotto l'ala di un insegnante esperto, che li istruirà sulla materia per la quale si sentono più portati, come per esempio la Storia, la Geografia, l'Ecologia, la Gufologia, la Religione, la Poesia, la Guerra, le Lingue, le Scienze Umane...
"Istruzione, istruzione, istruzione" esclamò Alba, senza mai smettere di lisciarsi le piume. Gli lanciò uno sguardo severo dall'altra parte della stanza. "A scuola voi imparate come le cose dovrebbero essere, non come sono realmente; l'istruzione è valida solo se si adatta alla realtà."
"Ma io voglio imparare" insistette Hunter. "La conoscenza è sopravvivenza, e anche voi gufi immigranti dovreste essere consapevoli di ciò."
"non essere così pomposo Hunter. [...]  E' l'inconveniente di voi Gufi dei Granai. Vi torturate con i vostri dubbi. Nessuno di voi può dimenticarsi dell'istruzione, della religione e della politica, neanche per un momento. Perchè non vi rilassate e non cercate di essere più spontanei? La vita è molto più divertente così."

Il lettore viene da subito catapultato nel mondo dei rapaci notturni, e imparerà insieme ad Hunter i valori e le regole della comunità dei Gufi dei Granai. Egli cresce nel granaio dei suoi genitori, e fin dai primi mesi di vita dimostra un vivo interesse per la conoscenza. Quando arriva il suo momento di imparare la lezione più dura, e cioè l'indipendenza e l'allontanamento dal nido familiare, Hunter si ritrova da solo a vagare per i cieli notturni illuminati dalla pallida luna, alla ricerca della sua nuova dimora e del Gufo che potrà impartirgli un'istruzione superiore. Le cose purtroppo non vanno esattamente come egli aveva previsto, e si ritrova così a dover sopravvivere da solo senza ricevere alcun insegnamento da nessuno, se non dagli animali che popolano il territorio in cui si è stanziato. Inizialmente diffidente e schivo, Hunter impara ben presto il valore della tolleranza e dell'uguaglianza fra le specie. La sua curiosità, sensibilità e sete di conoscenza, lo spingeranno così a voler creare un'unione tra le tre razze di Gufi esistenti, e cioè quelli dei Granai, quelli delle Foreste e gli immigranti. Riuscirà nel suo intento quando un Gufo Reale minaccerà la sopravvivenza dei Gufi, ma scomparsa la sua minaccia ne arriverà un'altra, più pericolosa e incombente di prima: l'uomo, e insieme ad esso l'inquinamento proveniente dalle città, nonchè la comparsa di un nuovo Gufo dei Granai che intende sovvertire l'intero ordine sociale della comunità che Hunter conosceva fin da pulcino.
"I Gufi delle Foreste dicono che noi viviamo troppo vicino agli umani e che questo provocherà la nostra rovina."
"E' possibile" ammise Humanoid. "L'inquinamento e la contaminazione per noi sono molto più pericolosi delle guerre, perchè possono cambiare l'ambiente in cui viviamo. Secondo il mio punto di vista, gli uomini sono una specie transitoria che alla fine distruggerà se stessa. Se noi vogliamo sopravvivere però, dobbiamo studiarli di più e imparare come adattarci a ciò che fanno." 
 
Un libro intriso di significati, ricco di avvenimenti e pervaso da un incessante senso di malinconia e nostalgia, che avvilupperà il lettore come una nebbiolina leggera, accompagnandolo durante tutta la lettura.
Il linguaggio usato da Martin Hocke è spesso ricercato, con termini tratti dalla filosofia e dalla religione, e a tratti si fa più poetico e solenne. Lo stile dell'autore è particolare, nostalgico e malinconico. La narrazione procede piuttosto velocemente, complice il fatto che la trama sia fitta di avvenimenti anche molto ravvicinati tra loro. Sebbene il romanzo ci metta un po' ad ingranare, riesce a spiccare il volo e a tenere il lettore col fiato sospeso.
"Il regno dei gufi" appartiena al genere fantasy, ma si tratta di un fantasy atipico, poichè qui non sono presenti elementi soprannaturali nè creature magiche. Il libro è ambientato ai giorni nostri, in un luogo imprecisato del mondo reale.
Per quanto riguarda le descrizioni, sono dettagliate quelle delle battaglie e dei sentimenti che animano i Gufi, un po' meno curate quelle riguardanti l'aspetto dei personaggi e dei luoghi.
Nonostante i personaggi della storia non siano pochi, l'autore riesce a dare ad ognuno di loro un carattere diverso, seppure il loro background ci risulti quasi del tutto sconosciuto. Ogni personaggio ha un ruolo ben preciso all'interno della storia, nessuno è superfluo o fine a se stesso. Ho amato molto Hunter, il protagonista di questo libro, sincero e coraggioso, mosso da ideali puri, impulsivo, testardo e curioso. Attraverso i suoi occhi il lettore imparerà a vedere le cose da un punto di vista diverso da quello a cui è abituato, vivrà le sue paure, condividerà i suoi dolori e i suoi successi con grande coinvolgimento emotivo. Mi è piaciuta anche l'evoluzione che ha subito il protagonista durante lo svolgersi della storia, evoluzione che permette al libro di essere considerato a tutti gli effetti un romanzo di formazione.
Sebbene "Il regno dei gufi" rientri nella categoria dei fantasy per ragazzi, per via dei temi in esso trattati potrebbe benissimo essere annoverato tra i migliori romanzi per adulti. Questo libro infatti offre spunti di riflessione non indifferenti; lo scrittore ha disseminato tra le sue pagine temi quali l'uguglianza e il razzismo, l'ambientalismo e l'ecologia, l'odio e l'amore, la scienza e la spiritualità, la conoscenza, il rispetto, il fanatismo, l'amicizia, la sessualità, la responsabilità, il sacrificio, la lealtà, la memoria, la speranza... tutte tematiche importanti, che vengono analizzate profondamente dall'autore, con evidente intento didascalico.
La trama si presenta ben intessuta e ben studiata da Hocke. Gli avvenimenti che in essa si svolgono sono volti a lanciare un messaggio al lettore; la storia di Hunter vuole insegnarci a riconoscere le cose che davvero hanno importanza nella nostra vita di esseri umani, facendoci notare la caducità dei beni terreni e l'essenza effimera delle cose che noi spesso riteniamo importanti. "Il regno dei gufi" altro non è una metafora della vita e della storia dell'uomo e facilmente il lettore ne ravviserà le innumerevoli similitudini.
Nell'ultima edizione, al romanzo è stato scelto di cambiare il titolo, che originariamente era "L'antico Regno del Silenzio". Anche la traduzione del testo è cambiata, e in questa versione i Barbagianni, chiamati anche Gufi Bianchi nelle prime edizioni, sono divenuti i Gufi dei Granai. Gli Allocchi, chiamati anche Gufi Bruni, sono diventati semplicemente Gufi delle Foreste, e infine le Civette sono divenute Gufi Piccoli o Immigranti. Inutile dire che preferisco di gran lunga la traduzione precedente, a mio parere più immediata e genuina.
Mi sento di consigliare questo libro a tutti, nessuno escluso. Certo è che "Il regno dei gufi" si rivolge ad un pubblico maturo, sia per i termini utilizzati che per le tematiche affrontate, profonde ed importanti. Consiglio in particolar modo questo libro a chi ama la Natura, alle persone sensibili e a chi desidera una lettura che lascerà il segno. In questo romanzo si trovano tutti gli ingredienti di una bella storia: avventura, amore, eroismo... quindi, perchè non leggerlo? ;)

Voi che ne pensate? Lo avete letto?

6 commenti:

  1. No, non l'ho letto ma la tua recensione mi ha fatto capire che dovrei proprio farlo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh! Sono contenta che la mia recensione ti sia piaciuta così tanto! Te lo consiglio proprio, mi resterà sempre nel cuore =')

      Elimina
  2. E' stato il libro con cui ho impoarato a leggere.
    Il libro che mi ha portato verso una particolare strada.
    La mia trilogia del cuore insomma, e se non ti spiace inserisco la tua rece nel mio blog... peccato che non sei su wordpress
    http://solo1altrariga.wordpress.com/2013/10/15/hai-mai-volato-nella-notte-in-mezzo-alla-neve-verso-la-luna-piena-vol-1/comment-page-1/#comment-155

    ps - lo sai che la copertina che hai messo è proprio quella della mia copia? Vedi com'è vecchia? E' la mia scansione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio contenta che questo libro sia stato per te così importante, è una storia meravigliosa, che vale proprio la pena leggere!
      Pensa te che coincidenza =P Io l'ho trovata sul web e l'ho inserita perché é l'immagine di copertina del libro che ho preso anche io =)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...