Etichette

giovedì 30 agosto 2012

Lost in Nature # 1


Bentornati nella mia Foresta Incantata! 
Lunedì ho avuto modo di presentare questa rubrica e oggi voglio pubblicarne il primo post. Ricordo, prima di cominciare, di cosa tratta questa rubrica...

Grazie a "Lost in Nature", vi accompagnerò tenendovi per mano nei luoghi incantati in cui mi condurrano i miei passi e che intrappolerò eternamente nella mia macchina fotografica. Le immagini saranno accompagnate da frasi, scritte di mio pugno o tratte dalla letteratura e dalla poesia, oppure ancora da un "resoconto di viaggio". Questa rubrica non ha cadenza fissa, la pubblicherò occasionalmente, ogni qualvolta avrò qualcosa da raccontarvi o un posto in cui guidarvi.
Qualche giorno fa ho fatto una scampagnata in un posto in cui mi capita di andare almeno due o tre volte l'anno. Non è lontanissimo da dove abito, basta fare un po' di curve (tutte in salita ovviamente) e dopo meno di un'ora di viaggio si raggiunge una delle foreste più belle della Liguria, la Foresta di Testa d'Alpe. Pensate, è la più grande della regione e si estende sul confine italo-francese. Ospita soprattutto faggi e abeti bianchi e il piccolo miracolo è che questo tipo di flora è tipico del clima montano freddo, mentre questa foresta è situata a pochi chilometri dal mare. I fitti alberi si interrompono a Margheria dei Boschi, lasciando spazio ad ampi prati delimitati da alti e maestosi alberi.
I boschi intorno al prato sono davvero affascinanti e incombono sul visitatore. Gli alberi, muti giganti, sono silenziosi testimoni dei cambiamenti della Natura e sembrano sorvegliare tutto con la loro altezza.
Ma, visto che il richiamo della foresta è forte, addentriamoci un po' fra gli alberi, lì, nel folto del bosco...


Io non ve l'ho ancora detto, ma da qualche mesetto sto imparando a suonare il flauto irlandese (Tin Whistle, per chi fosse interessato)... Due cose che non mancano mai nel mio zaino quando vado nei boschi o sulle montagne sono proprio il flauto e il mio magico librone sulle erbe officinali. Mi cerco un posticino comodo e tranquillo e inizio a suonare il mio flauto, lasciandomi trasportare dal vento che accarezza le foglie degli alberi. Suonare in mezzo alla Natura è sempre magico, è come se gli alberi danzassero silenziosamente sulle note del flauto, gli uccellini sembrano rispondermi e farsi più allegri e quasi mi sembra di intravedere le ninfe dei boschi, indecise se mostrarsi o meno alla mia presenza umana. Le note riecheggiano nel bosco, creando un'atmosfera fiabesca... mi vengono sempre i brividi dall'emozione.

Quello stesso giorno mi sono accorta che il prato di Margheria dei Boschi brulicava di Achillea, una pianta officinale molto utile per alleviare i dolori mestruali. Oltre a questo, è antispasmodica, astringente, cicatrizzante e antiinfiammatoria! Può essere utilizzata anche in sostituzione alla camomilla. Ho deciso di raccoglierne un po' e arrivata a casa l'ho lavata con cura, asciugata e messa a seccare fuori al balcone. Proprio oggi ho separato le estremità fiorite dai gambi e l'ho messa in un barattolo, pronta per l'uso! E' la prima pianta che raccolgo e confeziono personalmente per usarla a scopo curativo, non sapete quanto io sia felice di avere questi pochi grammi di Achillea nel mio mobiletto delle tisane!
E per concludere questa prima puntata di Lost in Nature, vi lascio una foto dell'Achillea in barattolo, fatta proprio pochi istanti fa =)


 Spero che questo primo post vi sia piaciuto ^^ 
A presto!


10 commenti:

  1. Mi è piaciuto moltissimo :)
    Oltre alla bellissima atmosfera della foresta, è meraviglioso il rapporto che hai con la natura, anche l'immagine di te che suoni il flauto in mezzo agli alberi è deliziosa.
    Complimenti per la tua prima pianta confezionata, sarai orgogliosissima. E fai bene.
    Un abbraccio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hihi! Si, a volte vorrei vestirmi da folletto, mi mescolerei megli fra il verde degli alberi =D e sì, sono davvero molto soddisfatta della mia tisana di Achillea ^^ Grazie per essere passata e per aver commentato, sei sempre la benvenuta qui!

      Elimina
  2. Si! Si! Mi piace questa rubrica...

    RispondiElimina
  3. Ma wow! Lo sapevo che mi avresti entusiasmata! Sei andata in un luogo meraviglioso Mirial. Sono i miei luoghi... si, li sento miei. Mi sembra come di appartenerci. E diciamo che non ci vivo per nulla lontana nemmeno dal punto di vista geografico. Bellissima la cosa del flauto irlandese, complimenti anche per questo. Questa rubrica non deve mai finire!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la tua fiducia Pigmy! Eh si, è la stessa cosa che provo io leggendo i tuoi post =) apparteniamo agli stessi luoghi, agli stessi boschi, le stesse montagne e gli stessi fiumi ^^ Davvero curiosa come cosa, ma davvero molto bella. Condividere sul web i luoghi oltre che le emozioni è davvero magico, ci si sente un po' più "reali" =D
      Non preoccuparti, non finirò mai di pubblicare i post di Lost in Nature. L'ho appena cominciata, e già sono troppo affezionata a questi post per poterli abbandonare ^^ Certo, magari non saranno frequenti, ma non mancheranno! Un bacio anche a te ^^

      Elimina
  4. Bel post e belle foto, complimenti. Può sembrarti strano, ma non conosco il posto in questione...in compenso, anche io sono interessato alla botanica e alle erbe officinali, (questo ti sembrerà strano invece) anche io suono il tin whistle! L'ho preso a Tolone, in Francia, a giugno. adoro suonarci il brano tradizionale irlandese Fields of Athenry, che tra l'altro è uno dei miei preferiti.
    Suono anche un'arpa, piccola, ha solo 2 ottave, ma il suono è magico.
    Suonarla la sera nel bosco è una cosa fantastica.
    Complimenti ancora e complimenti per tutti questi interessi, che, come vedi, condivido = )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero non conosci Gouta e Margheria dei Boschi? Devi vederle allora ^^ Si sale da Dolceacqua, Isolabona, si raggiunge Pigna e poi sulla sinistra si incontra una piccola salita, non si nota tanto, ma le indicazioni ci sono =) la salita è quella del Ristorante "La Castellana", magari lo conosci. Poi si sale per un po' e si giunge ad un rifugio. Andando avanti per poco sulla stessa strada si arriva a Margheria ^^
      Sono contenta che anche tu ti interessi di erbe officinali, non è strano, è solo insolito, ma sono contentissima di sapere che molti giovani come me, come noi abbiamo questi interessi! Il Tin Whistle io l'ho scoperto a luglio e non riesco più a separarmene. Non è che io sappia eseguire molti brani, però mi rilassa molto. Non conoscevo il brano che esegui tu, grazie per avermelo fatto conoscere, è davvero molto bello! E complimentissimi per l'arpa *_* Come vedi, capisco molto bene anche io il brivido che si prova a suonare questi strumenti nel bosco, è davvero magico. Grazie mille per essere passato e per aver commentato =)

      Elimina
  5. che bell'articolo e che belle foto adoro le foreste, mi sono aggiunta anche io ai lettori fissi un abbraccio e grazie per essere passata besitoss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te ^^ piacere di averti qui sul blog =)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...