Etichette

mercoledì 24 luglio 2013

Recensione: "Inattesa sul mare" di Marina Pratelli


Bentornate nella mia Foresta Incantata, creature del bosco!
Finalmente torno a postare una nuova recensione qui sul blog! Mi sono accorta che era più di un mese che non ne postavo una O_O in questo mese ho letto, a rilento sì, però qualche lettura c'è stata... Il problema è che ho lasciato qualcosa a metà, nel frattempo ho letto anche un classico che però ho deciso di non recensire e adesso... eccomi qui! Bando alle ciance ;)



Autore: Marina Pratelli
Editore: Alzani Editore
Pagine: 157
Prezzo: 9,50 euro

Trama: Francesco, un contadino migrato dalla Calabria con la promessa sposa per sfuggire ai sicari della ‘ndrangheta che gli hanno sterminato la famiglia. Miroslav, un musicista, disertore della guerra in Bosnia, nauseato dalla violenza che gli ha segnato il corpo e lo spirito. Distanti per generazione, cultura ed etnia ma accomunati da un passato oscuro, approdano a Ventimiglia sospinti dal caso. Doveva essere solo una tappa, nel viaggio verso una nuova vita, invece diventa il luogo in cui fermarsi e ricominciare. E’ ancora il caso che li fa incontrare, regalando a entrambi l’occasione per riscattarsi e un’amicizia più forte delle diversità. Finché, un giorno, una misteriosa figura di donna li riporta indietro nel tempo.

Voto:
Recensione:  
"Inattesa sul mare" narra la storia di due uomini, legati dallo stesso destino e animati dagli stessi sentimenti, che si incontrano a Ventimiglia, città della Liguria di ponente posta sul confine con la Francia. Francesco, contadino clabrese, trascina dietro di sè un passato segnato dalla mafia, mentre Miroslav porta con sè le pesanti esperienze della guerra in Bosnia. Sono entrambi due fuggitivi, entrambi in cerca di salvezza e di una nuova vita da poter costruire. Francesco e Miro si ritrovano entrambi a Ventimiglia, si incontrano e diventano amici inseparabili. Ma il destino ha in serbo ancora qualcosa per loro... tutti i nodi vengono al pettine il 23 agosto a mezzanotte, sulle onde del quieto mare che tra i suoi flutti nasconde segreti e racconta al lettore i ricordi di Francesco e Miroslav.
Lo stile della narrazione è poetico, lirico, musicale. A tratti al lettore sembra quasi di leggere una poesia. Attraverso suoni, profumi e sensazioni, l'autrice sa evocare con maestria i luoghi della città da lei descritta, trasportandovi il lettore che si sentirà avvolgere dall'aria salmastra. Il linguaggio risulta a tratti semplice, a tratti più ricercato.
Come già ribadito, il romanzo è ambientato a Ventimiglia; a Marina va il merito di essere riuscita a cogliere con semplicità le caratteristiche salienti di questa cittadina, in cui convivono etnie diverse, dialetti diversi e in cui si assaporano culture a volte anche molto lontane tra loro. Le descrizioni sono esaustive e puntuali, mai eccessive nè prolisse. Con rapide, ma attente pennellate l'autrice delinea personaggi, luoghi e situazioni, creando così un piccolo affresco completo, su cui tutto è rappresentato in modo equilibrato.
I personaggi della storia sono quasi esclusivamente due, anzi tre: il burbero e simpatico Francesco, il tormentato ed eroico Miroslav, slavo fuggito dalla guerra, e il piccolo Pas, dolce cagnolino e compagno di avventure di Miro. I protagonisti creati da Marina Pratelli sono credibili, perfettamente verosimili e profondamente umani. I loro background ci vengono svelati sin dall'inizio, anche se nel loro passato si celano segreti che verranno confessati sul tramontare del libro. Ho amato molto le personalità ben congegnate di Francesco e Miro, abbandonarli alla fine del libro è stato doloroso e dolce allo stesso tempo. 
Ho apprezzato molto anche i temi presenti nel romanzo, che l'autrice non manca mai di puntualizzare inserendo piccoli e velati riferimenti nel testo. Le tematiche con cui Marina farcisce il suo libro, e anche quelle a lei più care, sono: il razzismo, l'accettazione, la paura del diverso, l'amicizia, la fratellanza, la violenza, il pregiudizio, l'animalismo, la compassione, la condivisione, il dolore, il rimpianto... Tutte queste tematiche, che hanno un certo spessore, sono racchiuse in un libro così breve, e vengono trattate dall'autrice con semplicità, senza mai renderle banali o sminuirle.
L'intreccio risulta semplice; passato e presente si alternano, scatenando con il procedere della storia emozioni forti nel lettore. All'interno del romanzo ricorre la data del 23 agosto, che funge da filo conduttore delle diverse vicende.
Mi è dispiaciuto conoscere fin dalle primissime pagine l'esito della storia, avrei preferito forse che l'autrice mi tenesse più con il fiato sospeso, vedendo magari anche più azione, ma tutto sommato la storia sa arrivare lo stesso al lettore, nella sua semplicità.
Un altro pregio del romanzo è quello di rivolgersi ad un pubblico ampio: lo stile semplice e facilmente comprensibilelo rendono adatto a ragazzini di 13 anni, così come anche a persone anziane, che facilmente riusciranno ad immedesimarsi nelle (dis)avventure di Francesco e Miro.
Trovo molto azzeccata alche la copertina, soprattutto la frase che si può leggere sulla foto, che sembra essere il motto del romanzo:

"A che serve passare dei giorni se non si ricordano?"
Consigliato a tutti coloro che desiderano gettarsi in una lettura piacevole che, paradossalmente, induce il lettore a pensare sì, ma con "spensieratezza".

Che ne pensate?
Se il libro vi ha incuriositi, tenete d'occhio il blog, perchè nei prossimi giorni pubblicherò l'intervista all'autrice ;)




4 commenti:

  1. Ciao!!
    Grazie per avermi detto del tuo blog, sbadata come sono ultimamente mi era sfuggito.. Rimediato! ^^
    Woah, mi dà la sensazione di super confortevole!!! :)
    E mi piace anche il nome, azzeccatissimo!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che il mio blog ti piaccia, benvenuta nella mia Foresta Incanta! Sei la benvenuta =)
      Il nome l'ho scelto dopo vari tentennamenti, mi avrebbe fatto piacere lasciare il tributo ad Alice, ma quello di adesso è più azzeccato ;)

      Elimina
  2. bello intenso il tuo blog
    complimenti...
    simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille e benvenuta nella mia Foresta Incantata! =D

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...